Passa ai contenuti principali

Anacleto consiglia: fate la conoscenza di Cloris!

Buona sera per voi e buona notte per me, che sono uno zombie stasera!
Sono giornate impegnatissime queste per me e non trovo il tempo di scrivere il post sulla detersione, per il quale ho bisogno di tempo, ma intanto mi è venuto in mente questo, ispirata proprio dalle giornate di lavoro alacre e di spostamenti continui, che impongono, oltre ad una buona igiene, l'uso di un buon deodorante!




Anacleto vi mette in guardia su quanto segue:
Sapevate che i deodoranti da supermercato contengono un sacco di porcherie? State per scoprirlo! 
(Tra gli altri...)
- i sali d'alluminio (che impediscono la naturale traspirazione delle ghiandole sudoripare, causando a volte e a lungo andare, problemi a queste ultime);
- i Peg (seguiti di solito da un numero, che indica il peso molecolare, e che sono contenuti anche negli sgrassatori per forni...);
- il glicole propilenico (che si chiama propylene glycol nella lista degli ingredienti e che viene usato come ingrediente attivo nei liquidi antigelo!!!);
- il re dello schifo, triclosan (antibatterico dalla struttura molecolare e formula simili a quella della DIOSSINA, molto irritante e sospettato di causare il cancro).


Direi che volete BUTTARLO!
Purtroppo, come constatavamo la mia amica Carla ed io qualche settimana fa, è difficile per ora trovare deodoranti senza schifezze al supermercato, bisogna cercarli nel mondo bio.
Bene, nella foto qui sotto trovate una valida alternativa naturale. Non è nemmeno facile, infatti, trovare un buon deodorante ecobio, proprio perché siamo abituati a deodoranti che non lasciano traspirare, e non perché quelli ecobio sono inefficaci. Poi, come in quasi tutte le cose, ognuna/o è diverso e magari il primo deo ecobio che trova le/gli fa le ascelle a prova di bacio! In ogni caso ne ho trovati anche altri che funzionano, ma non bene come questo! 



Ad ogni modo, questo deodorante, Cloris,  di Tea Natura (dopo vi dico meglio di questa bella marca), è il primo che con me funziona davvero alla grande. Lo ammetto: l'ho provato come ultima spiaggia perché, tra i deodoranti ecobio, nessuno sembrava durare fino a fine giornata e la cosa si faceva imbarazzante. 



Questo deodorante mi ha colpito subito per la sua formula: a parte la presenza dell'alcohol, che non lo rende adatto al post-depilazione, ha ingredienti davvero perfetti. Oltre al succo di aloe vera (quella bella pianta dalle foglie carnose e succose, appunto, da cui si ricava un succo), dalle proprietà idratanti e lenitive, contiene la glicerina, che è anch'essa idratante (nella Glysolid, per intenderci c'è la glicerina, peccato per il resto degli ingredienti), e poi, piuttosto all'inizio dell'inci (il che vuol dire che è presente in percentuale alta), troviamo un mio fido amico, il triethyl citrate. Si tratta di una sostanza ricavata dall'acido citrico, non ha particolari controindicazioni, come potete vedere in questo link che mostra il database delle sostanze impiegate in cosmesi della Commissione Europea (con relative caratterisiche), non ha restrizioni di utilizzo. Il triethyl citrate fa un gran bel servizio: abbassa il Ph della zona ascellare. I batteri che causano il cattivo odore amano il Ph alto e quindi il triethyl citrate, in sostanza, gli impedisce di proliferare. trovare maggiori informazioni anche qui.
Ma le meraviglie di Cloris non finiscono qui: dopo il nostro amico uccidi-batteri, troviamo una sfilza di oli essenziali 

[minizoom sugli oli essenziali: NON sono come gli oli vegetali, si ottengono per distillazione in corrente di vapore di parti delle piante e sono sostanze potenzialmente pericolose, NON vanno applicati quasi mai puri sulla pelle perché possono essere irritanti, NON vanno ingeriti (se non sotto consiglio di un esperto) e NON vanno usati senza cognizione di causa!]

- olio essenziale di ylang-ylang, dal profumo molto piacevole, un po' orientaleggiante, e con proprietà seboragolatrici (regola il grasso della pelle, insomma);

- olio essenziale di lavanda, odore conosciutissimo, dalle proprietà antibatteriche e anti-infiammatorie (molto utile anche con la pelle grassa);

- olio essenziale di salvia, consigliato in caso di problemi della pelle di diverso tipo (dermatiti, piaghe, punture d’insetto, ulcere della pelle, acne, infezioni fungine come micosi e candidosi ecc)

- olio essenziale di menta piperita, efficace contro i cattivi odori e analgesico (fa meraviglie se applicato sulle tempie, sempre mescolato con un olio vettore - tipo di mandorle, di jojoba ecc)

-olio essenziale di tea tree o melaleuca, ne abbiamo già parlato qui



-olio essenziale di mandarino e di arancio dolce, che metto insieme perché hanno una caratteristica comune, oltre al fatto che sono ricavati da agrumi: gli oli essenziali ricavati dagli agrumi sono fotosensibilizzanti, cioè al sole possono creare problemi (irritazione, macchie...). Quindi, penso, che anche se sono in fondo all'inci, sarebbe meglio non usare questo deodorante per andare in spiaggia. Sono oli essenziali che mettono il buon umore, per così dire, le loro note olfattive sono rilassanti. 

- dulcis in fundo, l'olio essenziale di manuka, che è un bell'arbusto originario della Nuova Zelanda, chiamato anche tea tree della Nuova Zelanda, e con il tea tree che già conosciamo condivide le proprietà antibatteriche, antifungine, ha anche lui la capacità di uccidere i batteri cattivi, e non si trova molto spesso nei cosmetici. 

Dopo questa bella carrellata di roba botanica, passiamo a questioni concrete:
- efficacia: come ho già detto, nel mio caso è molto efficace e lo è molto a lungo;
- odore: particolarissimo. Direi erbaceo, ma ha comunque delle note dolci, secondo me si sente molto l'ylang-ylang, che è un odore molto conosciuto e anche apprezzato. Per la questione dell'odore, in ogni caso, sono due le cose essenziali: provare e abituarsi;
- dati del prodotto: 

  • marca: Tea Natura, una casa cosmetica di Ancona, che produce ottimi cosmetici ecobio, a basso impatto ambientale, con ottimi prezzi e packaging essenziale ma carino, molto attenta ai materiali utilizzati, nonché al riciclo;
  • quantità e confezione: 100 ml, viene venduto in una bottiglietta di vetro (non praticissima perché può rompersi, ma decisamente ecologica!), vetro scuro, che quindi preserva la qualità degli ingredienti, proteggendoli dalla luce, ha una pompetta spray che funziona molto bene (il prodotto è liquido, infatti la marca lo definisce "acqua aromatica deodorante");
  • costo: intorno ai 6 €.
  • dove trovarlo: io l'ho acquistato una volta da Kosmetika Point (negozio fisico a Bari e e-commerce che spedisce in tutta Italia) e poi, sempre lì, l'ho vinto a Natale, grazie ad una estrazione tipo lotteria! Potete trovarlo anche su Ecco Verde. Inoltre, sul sito dell'azienda trovate la lista dei loro rivenditori, così trovate anche quello fisico più vicino a voi e potete, eventualmente chiedere di farvi sentire l'odore;
  • durata: dipende da quanto e ogni quanto ne utilizzate, ma vi posso dire che io, facendone un uso costante e non parsimonioso, l'ho finito in circa 4 mesi e mezzo.
Altro cosa interessante: c'è una versione per maschietti!! Il prodotto è molto simile, ma ovviamente avrà senz'altro un odore leggermente diverso. Eccolo qui, si chiama Zefiro.

Commenti

Post popolari in questo blog

Ecobio e discount: prodotti viso e corpo Avenida

Buongiorno! 
Prima di parlare dei cosmetici Avenida, reperibili nei discount Penny Market, un piccolo excursus sul tema cosmetici ecobio e grande distribuzione!

The Lipstick Chronicle I - Nouveau Cosmetics

Da un po' penso all'idea di creare una specie di rubrica sul mio blog e alla fine mi son fatta venire in mente qualcosa che mi piace molto: i rossetti! Ed ecco qui il primo articolo di questa rubrica! 

I have thought for a while to create a sort of column on my blog and in the end I came up with a topic I really like: lipsticks! So here comes the first article belonging to this column! 


Attraverso lo specchio e quello che Roberta vi trovò: Mirodìa Cosmesi Natural / Through the Looking-Glass, and what Roberta found there: Mirodìa Natural Cosmetics

*English version below*


Il laboratorio dello specchio “Dopo un altro momento Alice era dall'altra parte del vetro; con un salto leggero atterrò nella stanza dello Specchio […] Poi cominciò a guardarsi intorno, e notò che quanto poteva vedere della vecchia stanza era affatto comune e poco interessante, ma che tutto il resto era così diverso che di più non sarebbe stato possibile.” (dalla traduzione di “Attraverso lo specchio e quello che Alice vi trovò” di Masolino D'Amico)