Passa ai contenuti principali

Essere o non essere (naturale): il dilemma!

*Alert secchioni di cosmesi o aspirtanti tali*
Questo post si prefigge come obiettivo quello di portare alla vostra attenzione i rischi dell’utilizzo di certi ingredienti nei cosmetici e, in questo particolare caso, sulle labbra (dato che tutto ciò che va sulle labbra viene anche ingerito…) e quindi ci sono informazioni poco commerciali - ma molto importanti- che forse non interessano a tutti, bensì solo ai secchioni della cosmesi!
*Fine alert secchioni di cosmesi o aspiranti tali*



La maggior parte di noi acquista cosmetici e, in particolare, prodotti per le labbra senza sapere di cosa sono fatti. Ed è legittimo: non siamo mica tutti esperti di chimica e cosmesi! Per i prodotti labbra, in particolare, ci lasciamo influenzare dalla marca, da come viene descritto il prodotto, dal suo odore o gusto che vengono pubblicizzati come se si trattasse di caramelle, e compriamo il primo burrocacao che ci capita sotto tiro al supermercato o addirittura al mercato (sigh!), senza badare troppo all'inci (International Nomenclature of Cosmetic Ingredients) ovvero la lista degli ingredienti. Ovviamente non siamo obbligati a conoscere tutti gli ingredienti (che sono migliaia) o tutti gli ingredienti che sono o possono essere nocivi (che sono moltissimi), però possiamo pian piano imparare a scegliere ciò che per noi è meglio e, se possibile, ciò che non fa male al pianeta. I segreti sono informarsi e provare.

Il problema del burrocacao è che tutto ciò che è contenuto nella sua formula viene ingerito. Tutto ciò che va sulle labbra lo ingoiamo senza accorgercene e non c’è modo di evitarlo. Alcuni ingredienti contenuti nei burrocacao delle marche più famose (come quella che fa rima con "sonofamosomacattivello"...), come ad esempio la vaselina, la paraffina, i siliconi,  sono nocivi e non fanno altro che dare l'illusione di idratare quando, invece, contribuiscono far seccare la pelle.  Inoltre, alcuni ingredienti possono costituire un vero e proprio pericolo per la nostra salute. A questo proposito vi invito a leggere questo semplice, chiaro ed interessante articolo, pubblicato su Skineco (l'associazione internazionale di ecodermatologia), poiché aiuta a chiarire molti dubbi e a sfatare molti miti! Lo trovate qui:


Inoltre, vi consiglio di utilizzare il sito del biodizionario (www.biodizionario.it), sul quale è possibile cercare una singola sostanza (le trovate su ogni cosmetico, nella lista inci, che di solito si trova scritta dietro, in piccolo). Ogni sostanza viene contrassegnata da dei bollini (sul sito trovate le indicazioni) di colore diverso che indicano il grado di pericolosità e, dunque, di accettabilità di un ingrediente nel cosmetico. Tenete a mente che tra i primi posti della lista inci ci sono gli ingredienti presenti in quantità maggiore nel cosmetico, dunque se trovate una sostanza inaccettabile tra gli ultimi ingredienti magari potete chiudere un occhio e ricordarvi solo di non ricomprare quel prodotto.
Sullo stesso sito, poi, è possibile accedere al forum sul quale Fabrizio Zago (cosmetologo, creatore del biodizionario) e altri esperti rispondono a domande di natura cosmetica. Potete cercare un argomento nel forum e vedere se se ne è parlato, altrimenti iscrivetevi e ponete voi stesse/i la domanda!

Qui ho trovato, invece, un articolo nuovissimo (uscito oggi), in cui una dermatologa spiega cosa evitare e perché nei cosmetici. Dateci un’occhiata:


So che ora avete molta confusione in testa, ma col tempo, informandovi, tutto sarà più chiaro. E, quando volete, ci sono io a rispondere alle domande (nei limiti delle mie conoscenze)! 

Non disperate: imparare è un viaggio, non una meta…un po’ come la felicità!

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Ecobio e discount: prodotti viso e corpo Avenida

Buongiorno! 
Prima di parlare dei cosmetici Avenida, reperibili nei discount Penny Market, un piccolo excursus sul tema cosmetici ecobio e grande distribuzione!

Stop ai prodotti chimici per la tinta! Sì alle ERBE TINTORIE!

Buongiorno o buona sera a tutti/e, a seconda di quando leggerete! 
Andiamo dritti/e al sodo: le tinte tradizionali, non importa se dal parrucchiere o no, normalmente sono piene - anzi, che dico? - stracolme di ingredienti veramente nocivi e anche piuttosto pericolosi. A parte l'ammoniaca, che ormai in molte tinte non c'è, proprio perché molte case cosmetiche hanno rinunciato all'utilizzo di questo ingrediente, troviamo gli orrendi PEG (glicole polietilenico), formaldeide (cancerogena), parafenilendiammina,un potentissimo allergene, metalli pesanti (piombo, per esempio), parabeni e moltissimi altri che non vi sto qui ad elencare perché tanto sarebbero una lunga lista di strani nomi di cui, in realtà, vi basta sapere che sono nocivi. Ma davvero! Fate una cosa, al supermercato, prendete una tinta e cercate alcuni ingredienti sul Biodizionario, poi mi dite... Quiho trovato un articolo interessante che fa riferimento anche alla normativa europea.

Magia di lumaca in tubetto: crema contorno occhi di Naturaverde Bio / Snail Magic in a Tube: Naturaverde Bio's eye contour cream

*English version below*


“What kind of magic spell to use Slime and snails Or puppy dogs' tails Thunder or lightning”
(che incantesimo magico si può usare melma e lumache o code di cuccioli di cane tuono o lampo)
Labyrinth apparentemente aveva ragione: tra le altre cose, le lumache sono magiche! Se non sapete di cosa sto parlando → (amo Labyrinth!) Magic Dance ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~

A volte tratto male la mia pelle. Dopotutto, è assolutamente vero che lavare, scrubbare o usare troppo o per troppo tempo un determinato prodotto può far pagare un prezzo alla nostra pelle.