Passa ai contenuti principali

Pelle da dea: Latte e Gocce di Venere di Emporio Natura e presentazione



Ciao lettori e lettrici preferiti!
Come vi avevo accennato sulla pagina Facebook un po' di giorni fa (non la seguite ancora!?  Molto grave! Mettete subito "mi piace" qui ), ho ricevuto dei campioncini di una linea cosmetica nuovissima: Emporio Natura! 


Di cosa si tratta esattamente?

Questa marca ecobio nasce dalla passione e l'esperienza di Roberta, la proprietaria di una bioprofumeria ormai già cinque anni fa. Vi riporto le parole che trovate anche sul sito della bioprofumeria:

"Nata dalla nostra passione... col tempo questa linea ha preso forma.. ed ora è uno dei marchi più consolidati del nostro negozio, che affianca senza nascondersi, i "must have" della cosmesi eco-bio tradizionale." 

La bioprofumeria Emporio Natura si trova a Parma, in strada Bixio 70, e offre una selezione notevole di marche di prodotti ecobio. Non ho usato la parola "selezione" a caso: Roberta sceglie, infatti, le marche (alcune molto rare e particolari) e fa una cosa che ritengo molto importante, ovvero fa una scrematura a monte dei prodotti, non prende, cioè, nel suo assortimento qualsiasi cosa (magari molti non lo vedranno di buon occhio, ma io trovo sia una scelta coerente e molto onesta nei confronti dei clienti).

Per conoscere meglio il punto di vista di Roberta in merito al mondo del naturale, vi consiglio vivamente di guardare questo video in cui è proprio lei a dirvi come la pensa.  


Com'è questa linea?

Emporio Natura è una linea piuttosto completa (deodoranti, prodotti per il viso, corpo e capelli, ma anche prodotti per l'igiene orale e un repellente per zanzare) e viene prodotta da un laboratorio di Reggio Emilia, del dott. Ferrari, e ovviamente sono decisi insieme a, nonché rivisti e approvati da Roberta (e da Buddy!  se già non lo conoscete lo vedrete nel video!). I prodotti hanno formulazioni composte rigorosamente da ingredienti naturali e vantano tanti attivi utili. Non sono, insomma, prodottini con una formula vuota, una di quelle formule "specchietto per le allodole". No, no, no...lo vedrete! Qui potete trovare la linea completa dei prodotti Emporio Natura, date un'occhiata e provate anche voi qualcosa!

Ma BeautyRo non vive vicino al mare? Come ha conosciuto questa bioprofumeria?

Sì, vivo (per ora) vicino al mare, in Puglia, e Parma è lontanuccia. Un bel giorno, nel mio girovagare su blog e siti stranieri, mi sono imbattuta in una marca russa (Natura Siberica) che produce anche prodotti certificati (altri, purtroppo hanno ancora inci bruttini). Cercando notizie in merito alla vendita di questa marca in Italia mi sono imbattuta (piacevolmente) in Emporio Natura e ho contattato la bioprofumeria tramite Facebook. Roberta è stata gentilissima: pur non potendo vendere i prodotti online per contratto con l'azienda, mi ha dato molte informazioni e ho subito notato, dopo qualche scambio di parole sul mondo ecobio, come fossimo sulla stessa lunghezza d'onda. Ne ho avuto conferma seguendo la pagina, che vi consiglio di seguire se già non lo fate, qui il link.

I prodotti e il test

Roberta, insieme a Buddy naturalmente, ha deciso di far testare i prodotti della linea da lei creata (o, meglio, ideata) ad alcune blogger. Ha, quindi, iniziato una selezione: tutte le blogger interessate dovevano inviare una mail con i propri dati, le proprie idee sul mondo dell'ecobio e con il link del loro blog. Roberta si è presa un bel po' di tempo per valutare e poi ha scelto. E sono molto felice di essere tra quelle blogger scelte, ha significato parecchio per me. 

I campioncini

Ho ricevuto a casa in pochissimi giorni dopo essere stata selezionata un bel gruzzolo di campioncini. Si tratta delle classiche bustine da 5 ml, come potete vedere in foto. Avevo avuto modo di esprimere una preferenza per il tipo di prodotto che avrei voluto provare e Roberta mi ha accontentata, aggiungendo anche altro, che non avevo espressamente indicato. 


Il latte e le gocce di Venere

Si tratta di due prodotti simili, ma che si differenziano essenzialmente per una caratteristica: vegan o non vegan, "that is the question"! Latte di Venere, nelle sue due varianti "fiorito" o "dolce", ha come terzo e quarto ingrediente rispettivamente, dopo l'acqua e l'olio di mandorle dolci, la polvere liofilizzata di latte e il miele, ingredienti prezioso nelle creme perché idratanti e lenitivi, e purificante (il miele). Gocce di Venere, nelle sue versioni "gelsomino" e "agrumato", è, invece, la versione vegana, priva dunque di ingredienti di origine animale. 

Ingredienti

Trovo che le formulazioni siano piuttosto semplici (che è sempre una cosa positiva, secondo me) e complete, nel senso che sono (mi sembra eh) un buon compromesso tra oli, burri e altri attivi preziosi. Lasciando stare per un attimo il latte e il miele, sia Latte che Gocce di Venere sono formulati a base di 

- olio di mandorle dolci, idratante e protettivo, 
- olio di jojoba, idratante ma non grasso (ideale infatti per le pelli miste/grasse), 
- olio di germe di grano (estremamente indicato per pelli secche, aride), in Gocce di Venere, 
- burro di Cupuaçu, un burro estremamente idratante, ricco di fitosteroli (e quindi curativo per la pelle);
- burro di karitè, in Latte di Venere, di cui sicuramente conosciamo le ottime proprietà idratanti. 

Sono poi arricchiti di acido ialuronico - certo, in piccole parti, ma comunque presente. Il latte e il miele, presenti nel Latte di Venere, sono ottimi alleati per la pelle: entrambi idratanti, aiutano senz'altro la pelle a sembrare quella di una dea! Il miele è anche purificante (infatti in Romania una volta nella spa di un hotel mi sono fatta fare un meraviglioso massaggio a base di miele biologico e la pelle dopo era meravigliosamente morbida e compatta). 

Sia il Latte che le Gocce sono conservati con estratto di semi di pompelmo (un conservante alternativo ai soliti e, a quanto pare, meno pericoloso di altri, come il fenossietanolo). Inoltre, in tutti i prodottti c'è anche il betaglucano, un polisaccaride del glucosio che ha proprietà anti-età, protegge la pelle dallo stress ossidativo e avrebbe anche proprietà cicatrizzanti...non male!  

Altri attivi...

Nel Latte di Venere fiorito sono presenti anche alcune simpatiche "erbette" (in realtà, oli essenziali) che, oltre a dare il profumo particolare a questa variante, arricchiscono la formula, dandole proprietà aggiuntive. Si tratta degli oli essenziali di salvia, lavanda, timo, menta, verbena e, dulcis in fundo, tulsi o basilico sacro (un'erba ayurvedica dalle proprietà disinfettanti, schiarenti per la pelle e utile contro psoriasi ed eczemi, come riporta il sito di Emporio Natura). Tutti questi oli essenziali sono particolarmente utili per le pelli con problemi (quali, appunto, infezioni, acne ecc) e anche calmanti (l'olio essenziale di menta, se presente in piccole parti, ha un blando effetto anestetico, grazie al mentolo in esso contenuto, e aiuta a calmare pruriti e fastidi...e vi assicuro che lo fa!).   



Consistenza, applicazione e idratazione

Latte di Venere - Nonostante le formule siano molto simili, praticamente identiche, c'è una leggera differenza tra le due varianti di Latte di Venere: a parte il colore, "dolce" è di un bel colore giallino, mentre "fiorito" è bianco crema. "Fiorito", inoltre, a me sembra leggermente più corposa. Entrambe si applicano con estrema facilità perché sono piuttosto liquide, non lasciano alcuna scia bianca o residuo e si assorbono molto rapidamente (pratico soprattutto se normalmente vi mettete la crema in tutta fretta). La mia pelle del corpo è piuttosto secca, specie su gambe e braccia, e a volte metto la crema due volte al giorno.  Però a volte, con le creme molto nutrienti mi capita che mi spuntino poi dei foruncoli quindi è complicato trovare una via di mezzo. Queste sono creme idratanti, non direi estremamente idratanti, ma per la mia pelle vanno a meraviglia: la idratano, ma non la ingrassano, scongiurando così il rischio di antipatici brufoletti.

Gocce di Venere - Ha una consistenza ancora più fluida, quasi un siero, leggermente trasparente, assolutamente non corposa, facilissima da applicare e massaggiare. Forse la consistenza la rende rinfrescante, sebbene non contenga oli essenziali come la variante "fiorito" di Latte di Venere. Si assorbe molto in fretta, ma è comunque idratante. Anzi, a dirvi la verità, mi è sembrata quasi più idratante dei due Latte, sorprendentemente. Considerate però, è chiaro, che la pelle non è sempre uguale, io avevo solo un campioncino di questa e mi è bastata per un solo giorno (magari era un giorno in cui la mia pelle non era particolarmente secca). 

Impressioni generali

Io, onestamente, ero incuriosita appunto dal Latte di Venere, un po' per il nome (incantevole) e un po' per il fatto che, come avevo letto sul sito, una delle due varianti, quella "dolce", ha un odore vanigliato (io amo la vaniglia, come credo saprete). Il primo impatto è stato curioso: l'odore, immediatamente, sembra leggermente speziato, come se ci fosse dentro un profumo tipo incenso. In realtà, poi, non è così: applicando la crema, massaggiandola e facendola assorbire, il profumo cambia ed è, come dirvi...mmm.. PERFETTO!! Almeno lo è per me che sono una amante dei profumi dolci e fragranti. Il profumo è caldo, avvolgente, pervade dolcemente e persiste (anche sui vestiti!!  che sogno!!). Lo amo anche perché mi ricorda (e se, per caso, lo ricordate anche voi potrete avere chiaro in mente che profumo ha questa crema) un giocattolo da bambini piccoli che aveva mio fratello: si trattava di una palla di gomma colorata, dalla superficie non uniforme, bensì decorata da forme geometriche intarsiate, diciamo, nella palla stessa. Quella palla aveva esattamente questo incantevole odore vanigliato. Una vaniglia non scontata. 

Era molto simile a questa, ma purtroppo non sono riuscita a trovare esattamente quella che intendo io.
Prima di descrivervi il profumo degli altri due prodotti, ci tengo a farvi notare che le profumazioni sono tutte naturali: il prodotto è profumato, nel caso del Latte di Venere, dalla vanillina (che credo dia anche il bel colore alla crema), nella variante "dolce", e dagli oli essenziali, nella variante "fiorito". In Gocce di Venere il profumo è dato da un triterpene (brutta parola, ma nulla di brutto) estratto dalle foglie del gelsomino. 

Il Latte di Venere "fiorito" ha un odore assolutamente erbaceo, naturalmente (in tutti i sensi). Prevale, a mio avviso, la menta insieme alla verbena (ci ho messo giorni a capirlo  ) che poi danno anche un po' un effetto, per così dire, balsamico alla crema, leggermente rinfrescante. In tutta onestà, è un odore che non mi piace per niente e, purtroppo, mi disturba anche un pochino. Però è una questione assolutamente personale e di gusto. Sulla crema in sé, come vedrete fra poco, non c'è nulla di male da dire. 

Gocce di Venere "gelsomino", a sorpresa, sa di gelsomino ma, secondo me, è anche leggermente vanigliato! So che sembra incredibile, ma, evidentemente, insieme ai burri e agli oli, l'odore (di solito pungente) del gelsomino si stempera, lasciando spazio a delle note dolciastre che io, personalmente, adoro. Appena spalmato, l'odore prevalente è il gelsomino (non troppo forte, però) e man mano che la crema si asciuga, l'odore lascia spazio alle note dolci. Dopo qualche ora, l'odore è ancora percettibile, ma è ritornato quello del gelsomino, sebbene molto delicato. 


(dopo 3 giorni) Aggiornamento...

Secondo voi, avrei potuto resistere al Latte di Venere nella versione che più mi piace!? Ovviamente no! E questo vi dice quanto mi sia piaciuto. In sostanza, è diventato quasi una droga. Non so che dirvi, mi dà un senso di tranquillità e di "a casa". Uso la crema ormai da diversi giorni (nel momento in cui, ora, ho ripreso l'articolo) e mi ci sto trovando benissimo. Vi confermo che non è idratantissima, ma appunto idrata il giusto, non è untuosa né appiccicosa, si spalma e si assorbe molto rapidamente, ha un profumo (per me) paradisiaco e lascia la pelle idratata per qualche ora. 

La confezione è praticissima, con erogatore a pompetta, ideale da tenere sul comodino e da pigiare con la opportuna pigrizia della sera, davanti ad una puntata di Sex and the City (true story!). Il flacone, dal packaging essenziale e semplice, è da 250 ml e il suo costo è di 18,90 €. Sulla durata, ovviamente, non so ancora dirvi, ma - dal momento che la crema è piuttosto liquidina e non ne serve moltissima - non credo durerà poco. Qui il link al prodotto. Ovviamente non ho preso solo questo (cosa avrò preso?) e Roberta mi ha mandato i campioncini di altri prodotti Emporio Natura che, però, non ho ancora provato. Rimanete in ascolto - o in lettura - per le novità! 





Commenti

  1. 1 crema corpo, 1 letto e Carrie & co. in tv: puro concentrato di benessere!

    cara Ro,ti confesso ke non conoscevo Emporio Natura né queste creme tanto poetiche: grave per una spalmatrice compulsiva come me! dovrò correre ai ripari! ;)

    RispondiElimina
  2. che bella iniziativa...come al solito non ne sapevo niente, ma sono una vera frana su queste cose! comunque sembrano molto interessanti questi prodotti e già apprezzo il dispenser per la crema!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Ecobio e discount: prodotti viso e corpo Avenida

Buongiorno! 
Prima di parlare dei cosmetici Avenida, reperibili nei discount Penny Market, un piccolo excursus sul tema cosmetici ecobio e grande distribuzione!

The Lipstick Chronicle I - Nouveau Cosmetics

Da un po' penso all'idea di creare una specie di rubrica sul mio blog e alla fine mi son fatta venire in mente qualcosa che mi piace molto: i rossetti! Ed ecco qui il primo articolo di questa rubrica! 

I have thought for a while to create a sort of column on my blog and in the end I came up with a topic I really like: lipsticks! So here comes the first article belonging to this column! 


Attraverso lo specchio e quello che Roberta vi trovò: Mirodìa Cosmesi Natural / Through the Looking-Glass, and what Roberta found there: Mirodìa Natural Cosmetics

*English version below*


Il laboratorio dello specchio
“Dopo un altro momento Alice era dall'altra parte del vetro; con un salto leggero atterrò nella stanza dello Specchio […] Poi cominciò a guardarsi intorno, e notò che quanto poteva vedere della vecchia stanza era affatto comune e poco interessante, ma che tutto il resto era così diverso che di più non sarebbe stato possibile.” (dalla traduzione di “Attraverso lo specchio e quello che Alice vi trovò” di Masolino D'Amico)