Passa ai contenuti principali

Attraverso lo specchio e quello che Roberta vi trovò: Mirodìa Cosmesi Natural / Through the Looking-Glass, and what Roberta found there: Mirodìa Natural Cosmetics

*English version below*


In "Attraverso lo specchio e quello che Alice vi trovò" gli scacchi hanno un ruolo molto importante...

Il laboratorio dello specchio

“Dopo un altro momento Alice era dall'altra parte del vetro; con un salto leggero atterrò nella stanza dello Specchio […] Poi cominciò a guardarsi intorno, e notò che quanto poteva vedere della vecchia stanza era affatto comune e poco interessante, ma che tutto il resto era così diverso che di più non sarebbe stato possibile.” (dalla traduzione di “Attraverso lo specchio e quello che Alice vi trovò” di Masolino D'Amico)


Quando una Alice (protagonista di precedenti stranissime avventure nel Paese delle Meraviglie) un po' più grande (e non più così ingenua) attraversa lo specchio al di sopra del camino nel salotto, scopre che dall'altra parte dello specchio le cose sono simili ma, allo stesso tempo, estremamente diverse. Si tratta pressappoco della stessa esperienza che ho provato entrando nel laboratorio di saponi artigianali di Simone.


In un soleggiato giorno di primavera, Alessandra, Veronica (alias, rispettivamente, In Beauty Veritas e Véronique Biologique) ed io ce ne siamo andate a trovare Simone, proprietario e creatore di Mirodìa. Quando abbiamo varcato la soglia del laboratorio, siamo entrate in una stanza molto grande, nella quale regnava un silenzio surreale. Una volta chiusa la porta alle nostre spalle, sembrava avessimo lasciato fuori anche tutti i rumori di una strada piuttosto trafficata (per quanto una strada di paese possa esserlo). Non appena ho poggiato gli occhi sul mobilio e sugli ornamenti nel laboratorio, ho avuto la sensazione “Alice-attraverso-lo-specchio”: non avevano nulla di strano e tuttavia erano bizzarri. Centinaia di foglie secche pendevano dal soffitto, un candelabro color verde menta appeso al di sopra di un tavolo di legno su cui erano poggiati cosmetici naturali, alcuni dei quali si trovavano in una sorta di valigia da pic-nic, bellissimi asciugamani di cotone poggiati sui pioli di una scala di legno. In quel momento eravamo ancora sole nel laboratorio. Simone non era ancora apparso. Alcuni istanti dopo, una porta scricchiolante, accanto ad una credenza con dentro altri prodotti naturali, si è aperta e Simone ha fatto il suo ingresso. Si vede che è un ragazzo timido, all'inizio della nostra chiacchierata Simone, infatti, si limitava a rispondere alle nostre domande senza aggiungere molto altri. O, forse, lo abbiamo subissato di domande – a volte anche contemporaneamente? Chissà!


Ci siamo subito concentrati sull'attività principale di Simone o, meglio, il prodotto con cui Simone ha iniziato, cinque anni fa, quando Mirodìa ha visto la luce: il sapone artigianale. Che significa che è artigianale? Tanto per incominciare Simone non utilizza una saponificatrice, ovvero un macchinario che automatizza la produzione del sapone, ma fa tutto a mano, come un tempo. Inoltre, Simone utilizza ingredienti naturali, che cerca personalmente nella maggior parte dei casi (e laddove possibile: per ragioni igieniche non è possibile per esempio, ci ha raccontato, usare la cera d'api che si prende da un apicoltore del luogo – affinché possano essere venduti, i prodotti devono contenere ingredienti certificati) e sceglie con accuratezza.


Davanti a degli scaffali di legno, su cui erano riposte delle barrette di sapone (o sfere, alcune non avevano la tipica forma del sapone) che stavano lì ad asciugarsi, Simone ci ha mostrato tutti i saponi che crea, descrivendone le caratteristiche, gli utilizzi e le peculiarità. Ci ha lasciato odorare e toccare ogni sapone. Dopo abbiamo iniziato a curiosare nel laboratorio, odorando, toccando gli oggetti, leggendo le etichette, osservando i dettagli e trovando i collegamenti che ci eravamo perse inizialmente, quando eravamo appena entrate e tutto ci sembrava bizzarro. Ogni oggetto, dal candelabro, alle foglie, agli asciugamani di cotone, hanno una connessione con la personalità di Simone e, dunque, di Mirodìa, che poi è Simone tradotto in prodotti naturali, caratterizzata da un filo rosso che parte dalla tradizione, il passato, i nomi, sia quello della marca che quello dei singoli prodotti, i metodi di creazione dei prodotti, la purezza degli ingredienti, i sani principi, e che arriva alla modernità, la ricerca per ottenere un buon prodotto, il rispetto per la natura.

Una torta fatta di sapone, decorata con fiori secchi, e le spugne di mare di Cose della Natura

Ci siamo godute delle torte fatte di sapone (solo con gli occhi – ok, sono naturali, ma chi mangerebbe il sapone?), abbiamo posto le solite domande del tipo “cos'è questo e cos'è quello?”, abbiamo trovato delle spugne di mare (le ho immediatamente riconosciute: si trattava delle Fine Dama Lavata di Cose della Natura – ho scritto di loro qui) che tenevano compagnia a dei prodotti da uomo creati da Simone e abbiamo scoperto che di solito consiglia agli uomini, specialmente a quelli giovani, di usare una combinazione del suo olio da barba con la spugna Fine Dama Lavata per lavare il viso e mantenere la pelle pulita e sana (brufoli, indietro!).



Poi abbiamo parlato molto e a lungo. Abbiamo parlato di molte cose diverse, spaziavano dai prodotti naturali (non mi dire!!), speranza per il futuro, fino ai pregiudizi nei confronti della cosmesi naturale, i social (e gli strani fenomeni ad essi connessi) e ai blog. Abbiamo ascoltato le storie di Simone sulla sua infanzia e su come un erbario (un libro che descrive le piante e i rimedi a base di piante) ha cambiato per sempre la sua vita, avvicinandolo alle piante e ai cosmetici a base di piante, appunto.

Fico d'India - un ingrediente che Simone usa nei suoi prodotti

Alla fine della nostra permanenza al laboratorio, abbiamo iniziato a scegliere i prodotti che volevamo prendere per noi e/o per i nostri amici e parenti e, con nostra grande sorpresa, Simone aveva preparato una bustina per ognuna di noi, contenente una selezione di suoi prodotti, solo quelli che riteneva potessero andar bene per noi (pur conoscendoci poco o per nulla) – tra l'altro, perché alcune aziende di cosmesi mandano intere linee di prodotti, senza distinzioni, alle blogger che scelgono? Può una ragazza di 25 anni usare una crema anti-age per la pelle matura? La sua recensione sarà poi appropriata e utile? “Ai posteri l'ardua sentenza”, per giudicare un grandissimo).

Ecco la selezione di Simone:


Scacciapensieri, sapone naturale con miele, arancio e calendula
Scrub cafè, sapone naturale con polvere di coffea arabica
Sogno di piuma, sapone naturale con lavanda, rosmarino e menta



Febo, mousse corpo idratante e lenitiva, con calendula, canapa e miele – per pelli secche



Chloris, crema anidra per il viso con azione lenitiva e antiossidante, all'olio di canapa – per pelli secche e sensibili




Febo, balsamo labbra nutriente e lenitivo



(ci tengo a dire che Simone era dispiaciuto di non poterci regalare prodotti creati appositamente per la nostra tipologia di pelle, per quanto mi riguarda però, ogni prodotto è perfetto: la mia pelle del viso è molto delicata e la mia pelle del corpo di solito è secca)

Un regalo per mia madre - guardate come è bella la confezione che ha fatto Simone!!

Se volete più informazioni sui prodotti, vi consiglio di visitare il sito ufficiale della marca e di seguire il profilo Instagram e la pagina Facebook per tenervi aggiornati sulle novità (che arriveranno...!) e anche di leggere la presentazione di Alessandra, una delle due amiche che era con me, che ne ha parlato nel dettaglio e, inoltre, può farvi vivere questa giornata da un'altra prospettiva. Presto vi dirò di più dei prodotti che Simone ci ha regalato e di quelli che ho acquistato io.


****** English version******

In "Through the Looking-Glass, and What Alice Found There" chess plays a very important role...

Looking-glass Lab
“In another moment Alice was through the glass, and had jumped lightly down into the Looking-glass room. […] Then she began looking about, and noticed that what could be seen from the old room was quite common and uninteresting, but that all the rest was as different as possible.” (From “Through the Looking-Glass, and What Alice Found There” by Lewis Carroll)

When an older (and not so naive anymore) Alice, former protagonist of very strange adventures in Wonderland, passes through the looking glass above the fireplace in the living room, she discovers that on the other side of the mirror things are similar but at the same time very different. That's the same thing I experienced when I entered Simone's artisan soap lab.


On a sunny spring Saturday morning Alessandra, Veronica and I were off to meet Simone, the owner and creator of Mirodìa. When we crossed the doorstep of the lab, we entered a very wide room, where a surreal silence ruled. Once we closed the door, we had also apparently shut outside all the noises coming from a quite congested street (as far as a street in a small town can be congested). As soon as I set my eyes on the furniture and the ornaments in the lab, I got that Alice-through-the-looking-glass-feeling: there was nothing strange about them but they were nevertheless odd. Hundreds of dry leaves hanging from the ceiling, a mint green candelabra hanging over a big wooden table with natural cosmetic products on it, some of them contained in a sort of picnic suitcase, a wooden ladder with beautiful cotton towels lying on its rungs. At this time we still were alone in the lab. Simone had not shown up. Some seconds later a squeaking door, next to a sideboard full of more natural products, opened and Simone appeared. It shows he is shy because at the beginning of our talk he was quite laconic and patiently answered our questions without adding much more. Or maybe it was so because we overwhelmed him with questions – sometimes simultaneously? Who knows!


We immediately focussed on Simone's core business or, better said, the product which Simone started with, five years ago, when Mirodìa saw the light of day: handcrafted soap. What does “handcrafted” mean by the way? First of all, Simone does not use a device that makes the saponification process automatic, everything is handmade. Moreover, Simone uses natural ingredients only, which he personally looks for, in most of the cases (and if it is possible: for hygienic reasons, for example, he told us, it is impossible to use beeswax bought from a local beekeeper – for the products to be sold, their ingredients must be certified anyway) and accurately chooses.


In front of some wooden shelves, where the soap bars (or balls, some had not the typical soap shape) were laid down to dry, Simone showed us all the soaps he creates, describing the characteristics, uses and peculiarities of each tipology. He let us smell and touch each soap. Then we began to look around in the lab, smelling, touching things, reading labels, looking at the details, and finding the connections we had missed at first, when we entered and everything seemed odd. Every object, from the candelabra, to the leaves and the cotton towels, are connected to Simone's personality and therefore with Mirodìa's, which is by the way Simone translated into natural products, characterised by a common thread that goes throught tradition, the past, the names, both the one of the brand and of the single products, the production methods, purity of the ingredients, sound principles, and reaches our days, the research behind the good products, the respect for nature.

A cake made of soap, decorated with dry flowers, and Cose della Natura's sea sponges

We enjoyed cakes made of soap (with our eyes only – ok, they're natural, but who would eat soap?), we asked the usual “what is that and what is this?” questions, we found natural sea sponges (I immediately recognized them: they were Fine Dama Lavata sponges by Cose della Natura – I wrote about them here) that kept company to men's products created by Simone and we discovered that he adivses men, especially young ones with oily and combination skin, to use a combo of his beard oil and a sponge to wash their faces and keep them clear and healthy (pimples, back off!).


Then we talked a lot. We talked about several topics, ranging from natural products (noooo waaaaayyy!!), hopes for the future, to prejudices against natural cosmetics, social medias (and strange phenomena connected to them) and blogging. We heard Simone's stories about his childhood and how a herbal (a book about plants and herbal remedies) changed his life forever by bringing him close to plants and plant-based cosmetic products.

Pricky pear on a cotton towel- an ingredient that Simone often uses in his products

At the end of our stay at his lab, we began to pick some products we wanted to buy for us and/or for our relatives and friends and, to our surprise, Simone had prepared a bag for each of us, in which he had put a selection of his products, just those he thought would suit us (by the way, why do some cosmetic companies just send their whole range of products, without making any distinction, to every blogger they choose? Can a 25-year-old girl use an anti-age cream for mature skin? Will her review about it be appropriate and useful? “Posterity, thine be the hard decision” (to quote a great poet, Alessandro Manzoni.)

Here is Simone's selection:



Scacciapensieri, natural soap with honey, orange and marigold
Scrub cafè, natural soap with arabica coffee powder
Sogno di piuma, natural soap with lavender, rosemary and mint

Febo, moisturizing and soothing body whipped cream (a “mousse” like the ones you cook) with marigold, hemp and honey – for dry skin





Chloris, water-free soothing and antioxidant face cream, with hemp oil, for sensitive and mature skin




Febo, nourishing and soothing lip balm


(it is important to say that he even felt sorry for not being able to give us some products that were exactly designed for our type of skin. As far as I am concerned everything is perfect for me: my face skin is very sensitive and my body skin is usually very dry)

A gift for my mother - look at the wonderful package Simone made!


I suggest you to take a look at the brand's website, as well as at the Instagram profile and the Facebook page so that you can keep yourself posted on the news (something is coming soon...!). Very soon I will be telling you more about every product Simone gave us and about those I bought. By the way, should you want to try something immediately (which is very likely), you can find Simone's beautiful products at Beeo Natural, run by sweet Stefania, which also ships internationally!!

Commenti

  1. Il mondo che hai così ben descritto, quello di Simone e delle sue meravigliose creazioni, mi affascina da impazzire. Ho avuto una sola occasione di avvicinarmi ad esse, una volta che ero andata alla Bottega Color Cannella ma avendo pochi soldi con me (l'idea era di prendere solo un paio di correttori di Couleur Caramel) non ho potuto approfondirne la conoscenza.
    E niente, mi è rimasta la curiosità e la voglia di entrare anche io attraverso lo specchio. L'artigianalità è un dono che va conservato, valorizzato ed apprezzato. Così come la dedizione e la cura per le cose belle e fatte con amore, con ingredienti naturali.
    Da un sacco di tempo vorrei provare lo Scacciapensieri ed ora pure le linee Febo e Chloris. Prima o poi...intanto grazie per questo articolo. Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se dovessi venire in Puglia, porteremo anche te a conoscere tutto questo, se ti va!! ☺ Decisamente Simone fa le cose come dici e, quando sono fatte così, sono per forza preziose. Un bacione

      Elimina
    2. Altroché se mi andrebbe :) per me sarebbe un sogno.
      Se mai dovessi venire in Puglia avviserò questo adorabile terzetto <3 Baci.

      Elimina
  2. Bellissimo post Roby, l'ho letto tutto d'un fiato 😍
    Condivido in pieno tutto quello che hai scritto, è stata un'esperienza indescrivibile! Sto provando anche io il balsamo labbra Febo e Chloris ed hanno un profumo paradisiaco!
    Grazie per la citazione ❤️

    RispondiElimina
  3. Mammamia, Robi! Che meraviglia! Le tue parole, le immagini, e naturalmente il lavoro di Simone, che seguo da tempo (anche se non ho mai provato nulla, fino ad ora). L'essenza di quello che la cosmesi naturale dovrebbe essere, secondo me <3

    RispondiElimina
  4. Adoro i saponi artigianali! Non conoscevo questo posto fantastico..dove si trova? Io sono pugliese!!!! :)

    RispondiElimina
  5. Che bello leggere questo tuo post! Già il laboratorio di Simone di per sè è magico, con le tue ottime doti espressive e comunicative lo diventa ancora di più, sai sempre illustrare bene tutto! La torta di sapone a rivederla mi ha fatto venire fame :D
    Anche io sono alle prese con il balsamo labbra di Febo che tra l'altro mi sta piacendo davvero tantissimo (hai notato quant'è nutriente?!)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Ecobio e discount: prodotti viso e corpo Avenida

Buongiorno! 
Prima di parlare dei cosmetici Avenida, reperibili nei discount Penny Market, un piccolo excursus sul tema cosmetici ecobio e grande distribuzione!

The Lipstick Chronicle I - Nouveau Cosmetics

Da un po' penso all'idea di creare una specie di rubrica sul mio blog e alla fine mi son fatta venire in mente qualcosa che mi piace molto: i rossetti! Ed ecco qui il primo articolo di questa rubrica! 

I have thought for a while to create a sort of column on my blog and in the end I came up with a topic I really like: lipsticks! So here comes the first article belonging to this column! 


Natura Siberica, parte I: scrub viso pelli miste e grasse/Natura Siberica, part I: face scrub for oily and combination skin

Ciao a tutte/i! Oggi inizio a parlarvi parlo di una marca che ho scoperto un anno fa quando in Italia era ancora davvero poco conosciuta (purtroppo!): Natura Siberica. In particolare, in questo articolo vi presento lo scrub viso per pelli miste e grasse!
Hi everyone! Today I am beginning to tell you about a brand that I discovered more or less a year ago, when it was not so popular in Italy (unluckily!): Natura Siberica. In this article, I am happy to introduce the face scrub for oily and combination skin!