Passa ai contenuti principali

Miracolo azzurro in barattolo: Seahorse Plankton Everlasting Radiance Moisturiser di Beauty Kitchen/Blue Miracle in a Jar: Seahorse Plankton Everlasting Radiance Moisturiser by Beauty Kitchen

*English version below*

Come probabilmente saprete, sono sempre alla ricerca di nuove marche da provare. Ho anche una evidente ossessione passione per le marche straniere. Quando a maggio la mia amica Valentina, che vive a Londra da un po' e che di recente si è convertita alla cosmesi naturale, mi ha chiesto come di consueto se volessi qualcosa da lì, sono andata immediatamente sul sito di Holland & Barrett (che spedisce anche in Italia, tra l'altro) per curiosare e vedere se ci fosse qualcosa che potesse interessarmi (come se fosse possibile per me non trovare nulla di interessante...). Inizialmente, in realtà, non ero esattamente elettrizzata perché, scorrendo la lista delle marche disponibili, avevo notato molte marche reperibili anche in Italia...



Informazioni

sui cavallucci marini:

Pensiamo che siano magici quanto gli unicorni, solo che loro sono reali, e noi li amiamo! Ci sono circa 54 specie di cavallucci marini in tutto il mondo e la maggior parte di queste sono in via d'estinzione. La loro presenza in una determinata area è un importante indicatore della salute del mare. Quando si accoppiano rimangono insieme per tutta la vita ed è il maschio a partorire! (traduzione mia)

Poi Valentina mi ha suggerito di dare uno sguardo a Beauty Kitchen una marca che l'aveva colpita per una caratteristica in particolare: supporta un'associazione che protegge i cavallucci marini, la Seahorse Trust, donandole parte dei guadagni provenienti dalla vendita di una delle loro linee cosmetiche. Non appena ho ricevuto il messaggio WhatsApp di Valentina e ho visto la la foto di un prodotto di questa marca che lei aveva comprato qualche giorno prima, mi sono fiondata sulla pagina di Beauty Kitchen sul sito di Holland & Barrett ed è stato amore a prima vista.

Confezioni della linea Abyssinian Oil
Prodotti per la cura del viso e del corpo totalmente naturali fatti nel Regno Unito. Confezioni colorate (spesso fatte di vetro, come in questo caso), decorate da disegni semplici ma molto carini, nomi dei prodotti particolari, creativi (ma non pretenziosi) e abbastanza facili da ricordare.

Confezioni della linea Inspire Me
Ovviamente le descrizioni che ho guardato prima sono state quelle dei prodotti della linea di cui mi aveva accennato Valentina, la Seahorse Plankton. Sono sempre attratta dagli oli per il viso e, dunque, il primo prodotto che ho notato è stato il loro High Definition Facial Oil e mi sono detta che dovevo averlo assolutamente. Ma, alla fine, dopo aver letto e riletto e rimuginato a lungo, mi sono resa conto che in quel periodo la mia pelle aveva probabilmente bisogno di una crema, piuttosto che di un olio (proprio come è successo per il contorno occhi, trovate qui l'articolo). Così ho scritto a Valentina dicendole che avrei voluto la Seahose Plankton Everlasting Radiance Moisturiser (qualcosa come “crema idratante a base di plankton dei cavallucci marini per una radiosità duratura” aaaaaaahhhhh la bellezza della sinteticità delle lingue germaniche!).

Non ho pagato la crema perché Valentina ha voluto regalarmela, ma conoscevo già il prezzo e potrebbe esservi utile saperlo: il barattolo (in vetro) da 60 ml costa 19,99 £ (ovvero circa 22 €). Si può comprare direttamente sul sito della marca – che tra l'altro è ricco di informazioni sul brand, sui prodotti e di tante altre curiosità riguardanti il mondo di Beauty Kitchen – oppure su Holland & Barrett (in entrambi i casi i prodotti vengono spediti dal Regno Unito e, dunque, non ci saranno oneri doganali). Qui il link diretto alla scheda della crema!


 
Anche il packaging esterno è totalmente amico dell'ambiente, in cartone, e su ogni suo lato si trovano informazioni relative al prodotto, scritte in modo semplice, cristallino e anche divertente, comprensibilissime anche dai profani.

Focus sugli ingredienti principali

L'ospite speciale della crema è quello che le dà anche il nome: il plankton del cavalluccio marino, il cui nome scientifico è Cylindrotheca Fusiformis, una microalga di cui i cavallucci marini si nutrono abitualmente (attenzione, però! I cavallucci marini non sono vegetariani! Ahahah io lo credevo ma mi sbagliato: mangiano anche piccoli pesci e crostacei. Questa crema, invece, è vegana, a proposito). Questo plankton è coltivato in un fotobioreattore in Italia (dunque, non temete: nessuno strappa alghe dal fondale marino, Beauty Kitchen è una grande amante della natura). Il plankton si protegge dallo stress ambientale producendo un mix unico di antiossidanti, omega 3, lipidi, steroli, carotenoidi e vitamine (A, D, E e K) ed è dimostrato scientificamente che questo mix è in grado di iniziare ad agire sulla pelle in sole 24 ore!

Sebbene in questa crema il plankton dei cavallucci marini sia assolutamente il protagonista, oltre che una chicca, la lista degli ingredienti non si limita certamente alla Cylindrotheca Fusiformis. Al contrario, c'è una grande quantità di potenti (e anche piuttosto insoliti) oli essenziali ed estratti vegetali che fanno, appunto, di questa crema un miracolo blu in barattolo!

Per rendere tutto semplice ed estremamente a misura di consumatore (un aspetto che molte marche trascurano), sulla parte interna della confezione esterna del prodotto, che è fatta di cartone riciclato e riciclabile*, Beauty Kitchen descrive gli ingredienti principali di questa crema, spiegandone chiaramente l'origine e/o le caratteristiche.

[*Dal sito della marca (la traduzione è mia): Le etichette dei nostri prodotti sono fatte di scarti di roccia calcarea e sono, dunque, a emissioni zero. Per la carta non vengono utilizzati alberi, acqua o prodotti sbiancanti e si tratta, dunque, di carta estremamente ecosostenibile.]

Laminaria digitataun'alga bruna che viene raccolta dall'azienda (con il permesso della Regina, dato che è la padrona di tutte le alghe intorno alle isole britanniche!), ha proprietà anti-ossidanti e anti-infiammatorie ed è anche utile per la formulazione della crema: si tratta, infatti, di un sostituto naturale degli emulsionanti sintetici.

Camomilla blu (Guaiazulene) – il guaiazulene è una sostanza di colore blu scuro, naturalmente presente nella camomilla blu (Matricaria Chamomilla) ed è un altro antiossidante. Beauty Kitchen mette in evidenza che degli studi recenti hanno dimostrato che il guaiazulene inibisce la perossidazione lipidica (che danneggia i tessuti) e ripulisce dai radicali ossidrili (una tipologia di radicali liberi). Dunque, il guaiazulene è necessario nella nostra vita, a meno che non abbiamo trovato l'elisir di lunga vita!

A proposito di lunga vita ed immortalità...
Olio essenziale di elicriso (Helichrysum Italicum) è un altro ospite speciale in questa crema – pianta chiamata “immortelle” in francese (e anche in inglese) poiché i suoi bei fiori gialli conservano il loro colore anche dopo essersi seccati. L'olio essenziale è usato in cosmesi, e molto apprezzato, poiché ha eccellenti proprietà rigeneranti (aiuta anche con le discromie) ed è infatti definito “elisir di giovinezza”.

Olio essenziale di radice di angelica (Angelica Archangelica) – secondo la leggenda, questa pianta un giorno fu portata sulla Terra da un monaco per curare le malattie e per questa ragione quel giorno venne dichiarato il giorno della Festa degli Arcangeli (gli arcangeli, lo sappiamo, sono angeli di alto grado come Michele e Gabriele – comunque quando ero piccola avevo un'ossessione per l'Arcangelo Gabriele, così lo sapete) e la pianta prese il nome di angelica arcangelica. L'olio essenziale di angelica contiene antiossidanti, vitamine ed acido valerico ed aiuta a rendere la pelle più morbida e sana e a purificarla.

Olio essenziale di resina di boswellia (Boswellia Carterii) – questo olio favorisce la rigenerazione della pelle. Si tratta anche di un ingrediente con proprietà astringenti (quindi perfetto anche per pelli miste/grasse) ed è un grande alleato nella lotta contro le macchie scure e le rughe.
[Qualcosa che molti di noi si saranno forse domandati: ma cos'è, poi, questo ingrediente? Beauty Kitchen ci dà la risposta nella descrizione sul packaging: si tratta della linfa lattiginosa estratta dalla corteccia dell'albero di boswellia.]

Altri ingredienti e loro proprietà

Le proprietà nutrienti di questa crema sono affidate all'olio di mandorle dolci, all'olio di olivello spinoso e al burro di karitè – questi ingredienti fanno in modo che la pelle resti elastica ed evitano che si secchi, in particolare poi l'olio di olivello spinoso è un ottimo ingrediente anti-età.
(se pensate che l'olio di mandorle dolci possa essere comedogenico, vi suggerisco di dare ugualmente una possibilità a questa crema per due motivi: 1. non è una cosa vera per tutti e, strettamente legato al numero 1, 2. io, per esempio, non ho avuto alcun problema di brufoli e/o punti neri durante l'utilizzo della crema)

Altre alghe (oltre la Laminaria Digitata e la microalga Cylindrotheca Fusiformis), Fucus Vesciculosus (chimata anche semplicemente “fucus” o altrimenti detta “quercia marina”) e Himanthalia Elongata (chiamata anche “alga spaghetti di mare”, che dà un'idea della sua forma) aiutano a rendere questa crema un miracolo azzurro in barattolo – si tratta, infatti, di alghe con eccellenti proprietà emollienti e protettive.

Olio essenziale di magnolia (Michelia Alba) – apparentemente mi sono persa molto nella vita dal momento che non conoscevo le eccezionali proprietà di questo olio essenziale, estratto dal bellissimo fiore che tutti probabilmente conosciamo. Oltre al profumo inebriante, che migliora l'umore, tra l'altro, è un ottimo tonico della pelle, la ammorbidisce e aiuta a ridurre le rughe, sia quelle più leggere che quelle più profonde, e riduce le macchie scure.

Olio essenziale di bergamotto (Citrus Aurantium Bergamia) – ha proprietà cicatrizzanti, aiuta, dunque, a guarire eventuali cicatrici e altri segni e a schiarire le macchie scure.

Oli essenzali di lavanda (Lavandula Angustifolia) + ginepro della Virginia (Juniperus Viriginiana) + pompelmo (Citrus Grandis) + Ylang Ylang (Cananga Odorata) – si tratta di un bel mix di oli essenziali che, infatti, spesso vengono abbinati per favorire il rilassamento, per dare una sensazione di serenità (per quanto riguarda l'aspetto aromaterapico), inoltre sono lenitivi, migliorano l'aspetto generale della pelle e sono anche perfetti per la pelle mista/grassa (dal momento che praticamente tutti questi oli sono anche purificanti).

Benzoino (Styrax Tonkinensis) – ha un meraviglioso odore dolce ed ha un effetto lenitivo e calmante sulla pelle.


In che modo questa crema mi ha aiutato

Quando ho cominciato ad utilizzare questa crema a maggio, il clima era già mite e tuttavia la mia pelle era secca, avevo addirittura delle zone secche a tal punto che non potevo applicare il fondotinta (era orribile, me miserabile). Quando ho massaggiato la crema sul viso la prima volta ho subito notato che si assorbiva molto rapidamente: sembrava che la mia pelle la bevesse proprio. La consistenza è ricca, morbida, setosa, ma al tempo stesso leggera (infatti, ritengo possa andare benissimo anche per la pelle mista/grassa). Le zone estremamente secche sono sparite in un giorno e non si sono più fatte vive!

Quando la applico prima di andare a dormire, mi sveglio con una pelle soffice, rimpolpata e per nulla oleosa. La uso anche di mattina, come base per il trucco, e la trovo perfetta anche così, sebbene inizialmente non fossi sicura se sarei riuscita ad utilizzarla con, ad esempio, un fondotinta minerale, ma sembra vada bene anche così, specie se avete la pelle normale/mista/grassa (se avete, invece, la pelle secca, potreste aggiungere alcune gocce del Seahorse Plankton High Definition Facial Oil, che sarebbe l'olio viso della stessa linea, di cui presto vi parlerò).

Una menzione speciale va alla fragranza: inizialmente non ero proprio entusiasta poiché mi sono sempre piaciuti sostanzialmente solo i profumi dolciastri, di recente ho imparato ad apprezzare anche quelli agrumati, ma non sono mai stata un'amante dei profumi erbacei e la fragranza di questa crema – data esclusivamente dai suoi ingredienti – in un primo momento sembra proprio erbacea. In realtà si tratta di un profumo molto più complesso e difficile da descrivere: senz'altro la camomilla si percepisce (mi ci è voluto un po' per capirlo, mentre è stata la prima cosa che ha notato una mia amica aprendo il barattolo), ma è anche vero che dei sentori erbacei, appunto, si intrecciano a delle note dolci e leggermente speziate, delicamente pungenti (che credo siano dovute all'olio essenziale di angelica e forse, in parte, al benzoino). Nell'insieme è un profumo piacevolissimo, rassicurante, rilassante e che mette anche di buon umore. Io mi ci sono talmente abituata che lo associo al benessere.

Quello che mi ha colpito di più è la rapidità con cui si notano i primi effetti (e su questo è d'accordo anche la mia amica Valentina), proprio come promette l'azienda: sin dai primi giorni di utlizzo la pelle è subito più morbida, più uniforme e rimpolpata e – qui arriva una delle parti migliori – questa è l'unica crema che ha avuto effetti sui miei capillari visibili (vicino al naso), li ha resi infatti meno visbili. Va da sé che la Seahorse Plankton Everlasting Radiance Moisturiser è anche lenitiva e calma i rossori (un'altra qualità importantissima per me). Sarò onesta: non penso di poter essere più felice di così con una crema viso. Ho appena aperto il mio secondo barattolo e non credo che rimarrò più senza questo tesoro azzurro.


*******English Version*******

As you probably know, I'm always on the lookout for new brands to try. I also have an obvious obsession passion for foreign brands (that is, other than Italian ones). When my friend Valentina, who has been living in London for a while and has recently switched to natural cosmetics, asked me as usual (each time she comes back to Italy) if I wanted her to buy something for me there, I immediately headed to Holland & Barrett's online shop to look around and see what I could be interested in. At first I was not exactly galvanized because, scrolling down the brand list, I noticed many brands that are available in Italy too.

But then Valentina suggested me to take a look at a brand, Beauty Kitchen that had impressed her because of one particular feature: it supports an association that protects seahorses, the Seahorse Trust, by donating it part of the proceeds from one of their ranges. As soon as Valentina sent me a WhatsApp message telling me this and showing me a picture of a product she had previously bought, I opened the page with Beauty Kitchen's products on Holland & Barrett and it was love at first sight.

Packagings of the Abyssinian Oil range
Skincare and bodycare natural products made in the UK. Colorful packagings (in most cases made of glass, as in this case, and therefore environmentally-friendly), decorated with simple and still nice drawings, with clear and well written information, peculiar, creative (but not pretentious) and quite easy to remember product names.


Packagings of the Inspire Me range
Of course the products whose descriptions I perused first were those from the Seahorse Plantkton range (the one that had impressed Valentina). I'm always attracted to facial oils so the first thing I saw was their High Definition Facial Oil and I told to myself that I should definitely have it. But, in the end, after reading and reading again and overthinking, I realized my skin didn't really need a facial oil but rather a face cream in that period (just as it had happened with my eye contour, here you can find the article), so I got back to Valentina telling her to buy a Seahose Plankton Everlasting Radiance Moisturiser for me.

I did not pay for the moisturiser because in the end Valentina decided to give it to me as a gift, but I knew the price and it may be useful for you to know it: the 60 ml jar costs 19,99 £ (more or less 22 € / 26 $). You can buy it directly from the brand, through their beautiful website – which is also rich in information about the company, the ingredients used and much more – or from Holland & Barrett. Here you find the direct link to the product page!


The outer packaging is totally environmentally-friendly as well and on every side information about the product is written in a simple, crystal-clear and also amusing way that also laymen can understand.

Focus on the main ingredients 

The special guest in the cream is definitely what gives it its name: seahorse plankton, its scientific name being Cylindrotheca Fusiformis, is a plankton microalga, which is part of the diet of seahorses (be careful: seahorses are not vegetarian! Hahahah I thought so but I was wrong! They also eat small fish and crustaceans. Oh, speaking of this, this cream, instead, is vegan). The seahorse plankton used in Beauty Kitchen's products is grown in a photobioreactor in Italy (so, don't worry, nobody rips poor microalgae from the seabed, at Beauty Kitchen's they are great nature lovers). As one can read on the label, the plankton protect themselves from environmental stress by producing a unique mix of antioxidants, omega 3, lipids, sterols, carotenoids and vitamins (A, D, E and K) and these compounds are scientifically proven to stimulate collagen production and it starts working on your skin in just 24 hours!

Even if the seahorse plankton is definitely the protagonist and a huge plus in this cream, the ingredient list is not at all limited to it. On the contrary, a smorgasboard of powerful (and unusual too) essential oils and plant extracts are there to make this cream a blue miracle in a bottle!

To make everything more practical and consumer-friendly, on the inside of the external packaging made of recycled and recyclable cardboard*, Beauty Kitchen described the key ingredients in this cream with a clear explanation about their origin and/or properties. Let's take a look at the information given by the packaging:

[*From the brand's website: The labels on our products are made from waste limestone rock making them carbon neutral. The paper uses no trees, water or bleach making it super sustainable.]


Sea Kelp (Laminaria Digitata) Extract – harvested by the brand (with the permission of Her Majesty), it is a kind of algae, which has anti-oxidant and anti-inflammatory properties and it is also useful to make the cream: it is a natural substitute to synthetic emulsifiers.

Blue Chamomile (Guaiazulene) – guaiazulene is a dark blue substance naturally occurring in blue chamomile (Matricaria Chamomilla) and it is another antioxidant. Beauty Kitchen underlines that recent studies have shown that it inhibits lipid peroxidation (which damages tissues) and scavenges hydroxyl radicals (a type of free radical). So we all need guaiazulene in our lives, unless we have found the elixir of immortality!

Speaking of immortality...
Immortelle Oil (Helichrysum Italicum) is also a special guest in this cream – called immortelle because its beautiful yellow flowers retain their color also after being dried, its essential oil is used, and highly appreciated, in cosmetics because it has great regenerative properties (it also helps with dyschromia, that is the alteration of the color of the skin) and it is therefore also called Elixir of Youth.

Angelica Root Oil (Angelica Archangelica) – the legend has it that this plant was brought to earth by a monk to treat disease and that day was therefore declared as a holiday known as Archangel Day (archangels, like Michael and Gabriel are angels of high rank – by the way as a little child I had an obsession for Archangel Gabriel, so now you know). Look what Beauty Kitchen writes about the angelica root oil in their cream:

Frankincense Gum Oil (Boswellia Carterii) – this oil also helps promote skin regeneration. It is also astringent (so not at all bad for oily/combo skin type) and is a great ally to fight dark spots and wrinkles.
[Then something many of us may have wondered about: what is frankincense? Beauty Kitchen promptly gives us a simple answer: it is the milky sap extracted from the bark of the Boswellia tree.]

Other ingredients and their properties

For the nourishing properties of this cream one can rely on sweet almond oil, seabukthorn oil and shea butter – they all help keep the skin elastic and avoid dryness and seabuckthorn oil has excellent anti-aging properties.
(if you think almond oil is comedogenic, I suggest you give this cream a try anyway because 1. it's not true for everybody and connected to no. 1, 2. for example, I haven't had any issues regarding pimples or blackheads while using this product)



Other algae (besides Laminaria Digitata and the microalgae Cylindrotheca Fusiformis), Bladder Wrack (Fucus Vesciculosus) and Thongweed (Himanthalia Elongata) help make this cream a blue miracle in a jar – bladder wrack is great for dry skin, in fact it has very good emollient and protective properties, and thongweed, which looks like spaghetti, is protective as well.

Magnolia essential oil (Michelia Alba) – apparently I've missed a lot in my life since I didn't know the wonderful properties of this essential oil extracted from that beautiful flower everyone probably knows. Besides its intoxicating smell, which is also a mood enhancer, it is a great tonic, it conditions skin and helps soften fine lines and wrinkles and lighten dark spots.

Bergamot essential oil (Citrus Aurantium Bergamia)cicatrisant properties, it helps heal scars and other marks as well as lighten dark spots.

Lavender (Lavandula Angustifolia) + Cedarwood (Juniperus Viriginiana) + Grapefruit (Citrus Grandis) + Ylang Ylang (Cananga Odorata) essential oils – well, they're a great mix and they are often combined with each other to promote a relaxing and/or uplifting atmosphere (as far as the aromatherapy aspect is concerned) and they are soothing, they improve the skin's general appearance and they are perfect for combo/oily skin too (because most of them are clarifying).

Benzoin (Styrax Tonkinensis) – it has a wonderful sweet, gourmand smell and it is soothing and calming on the skin.


How this cream helped me

When I started using this cream in May the temperature was balmy and still my skin felt dry and I had been having some very dry patches on my face, which looked horrible and made it impossible for me to wear foundation (miserable me). When I first applied the cream I immediately felt that it could soak in really easily: my skin seemed to absorb it without any difficulties. The texture feels rich, soft, silky but lightweight at the same time (I think this may be perfect for combo/oily skin too). The dry patches disappered in one day and never showed up again!

When I apply it at bedtime, I wake up to a silky-soft, plump and not greasy skin. I also use it as a day cream and I find it the perfect makeup base even if at the very beginning I was not sure if it was enough for mineral makeup, for example, but I guess it's enough with that too if you have normal/combo/oily skin (if you have dry skin you can add some drops of the Seahorse Plankton High Definition Facial Oil).

A special mention goes to the fragrance of the cream: at first I wasn't exactly galvanized because basically I have always loved sweet smells only, lately I have begun appreciating citrusy ones as well, but I've never been a huge fan of herbaceous smells (and the fragrance of this cream – which is totally due to its ingredients by the way – seems herbaceous at the beginning). Actually its fragrance is much more complicated than it seems and difficult to describe too: it's a hard fact that chamomile can be perceived (it took me a while to understand this, while this was the first thing a friend of mine told me when she opened the jar), but it is also true that a herbaceous aroma entwines with a sweet, lightly spicy and pungent scent (I think this is due to angelica essential oil and maybe partly to benzoin). Overall it is a very pleasant, reassuring, relaxing and uplifting fragrance. I grew so accustomed to this scent that in my mind it is associated with the idea of wellbeing.

What impressed me the most is that the effects are immediately visible (and Valentina, my friend, agrees on this), as the brand promises: from the first days of use the skin is softer, more even and plump and – here comes one of the best parts – this is the only cream that has done something about my visible blood vessels (around my nose). It goes without saying that the Seahorse Plankton Everlasting Radiance Moisturiser also soothes skin and calms redness (which is another huge plus for me). I will be honest: I couldn't be any happier with a face cream and I've just opened a new jar. I don't think I will ever be without this blue treasure anymore.




Commenti

  1. E allora continuiamo con questi post??... Ahah! grande ro, via un' altra cosina in wishlist (infinita mannaggia)!!! Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vissietta, a te piacerà ancora di più l'olio della sua linea!! 😍 baci, cara, buona notte!!

      Elimina
  2. Mi fa tanta tenerezza un po' tutto, devo dire. La questione del packaging, il colore della crema, la storia dei cavallucci marini, il pool di attivi. Peccato per quell'olio di mandorle dolci, che come sai sul viso non tollero. L'avrei provata volentieri, lo ammetto.

    RispondiElimina
  3. Wowwwwwwwwwww che post Roberta :) andrò presto sul sito a dare un'occhiata a queste meraviglie,mi hai fatto amare tutto di questa linea <3 Grande curiosità.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Ecobio e discount: prodotti viso e corpo Avenida

Buongiorno! 
Prima di parlare dei cosmetici Avenida, reperibili nei discount Penny Market, un piccolo excursus sul tema cosmetici ecobio e grande distribuzione!

Stop ai prodotti chimici per la tinta! Sì alle ERBE TINTORIE!

Buongiorno o buona sera a tutti/e, a seconda di quando leggerete! 
Andiamo dritti/e al sodo: le tinte tradizionali, non importa se dal parrucchiere o no, normalmente sono piene - anzi, che dico? - stracolme di ingredienti veramente nocivi e anche piuttosto pericolosi. A parte l'ammoniaca, che ormai in molte tinte non c'è, proprio perché molte case cosmetiche hanno rinunciato all'utilizzo di questo ingrediente, troviamo gli orrendi PEG (glicole polietilenico), formaldeide (cancerogena), parafenilendiammina,un potentissimo allergene, metalli pesanti (piombo, per esempio), parabeni e moltissimi altri che non vi sto qui ad elencare perché tanto sarebbero una lunga lista di strani nomi di cui, in realtà, vi basta sapere che sono nocivi. Ma davvero! Fate una cosa, al supermercato, prendete una tinta e cercate alcuni ingredienti sul Biodizionario, poi mi dite... Quiho trovato un articolo interessante che fa riferimento anche alla normativa europea.

Magia di lumaca in tubetto: crema contorno occhi di Naturaverde Bio / Snail Magic in a Tube: Naturaverde Bio's eye contour cream

*English version below*


“What kind of magic spell to use Slime and snails Or puppy dogs' tails Thunder or lightning”
(che incantesimo magico si può usare melma e lumache o code di cuccioli di cane tuono o lampo)
Labyrinth apparentemente aveva ragione: tra le altre cose, le lumache sono magiche! Se non sapete di cosa sto parlando → (amo Labyrinth!) Magic Dance ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~ ~

A volte tratto male la mia pelle. Dopotutto, è assolutamente vero che lavare, scrubbare o usare troppo o per troppo tempo un determinato prodotto può far pagare un prezzo alla nostra pelle.